venerdì 22 febbraio 2019

Quanti dati viaggiano su internet in un minuto?

In sessanta secondi può succedere di tutto.
Ma mai quanto avviene su internet.
Stando ai calcoli di Cefriel, ogni giorno sono generati circa 3 quintilioni di byte, un numero a 18 cifre con cui le aziende devono fare i conti giornalmente per restare al passo con i velocissimi tempi digitali.

I ricercatori hanno scoperto che in un minuto su internet avvengono acquisti tramite ecommerce per una cifra che supera i 900mila dollari. I messaggi scambiati su WhatsApp nello stesso lasso di tempo sfiorano i 38 milioni, le mail invece svettano a quota 187 milioni al minuto, più bassi gli sms che però si difendono con un ottimo 18 milioni di scambi in 60 secondi.

In un minuto, Facebook conta 973mila login, Twitter 481mila tweet e Snapchat fa registrare la notevole cifra di 2,4 milioni di video pubblicati.

“Ti amo, mi mandi i soldi?”: 143 milioni di dollari in fumo per le truffe romantiche online

L’amore si fa protetto anche prima di trovarsi a letto con qualcuno. 
Nel 2018, le vittime di truffe “del cuore”, cioè legate a situazioni sentimentali, sono state almeno 21mila soltanto negli Stati Uniti. Questo il numero di segnalazioni arrivate alla Federal Trade Commission, che ha contato perdite da parte degli sventurati per 143 milioni di dollari.
Le richieste di denaro ad opera dei truffatori continuano ad essere delle più classiche: dopo aver avviato una relazione online con profili falsi o clonati e non necessariamente su piattaforme dedicate al dating si scuciono soldi all’innamorato (quello vero, o quella vera), di turno. Le richieste possono essere svariate, dalla copertura di piccole spese di viaggio – anche tramite carte regalo – o di controlli medici.

Il numero di frodi romantiche però è in continua crescita: da 8.500 nel 2015, a 11.000 nel 2016 e fino a quasi 17.000 nel 2017. Gli amanti fregati hanno sborsato una media di 2600 dollari, cioè sette volte in più rispetto ad altri tipi di truffe registrate dalla Ftc.

La fascia più colpita è quella della tra i 40 e i 69 anni, ma sono le persone di più di 70 anni ad aver perso, individualmente, più denaro (circa 10.000 dollari) .

keep reading

WinRAR: 19 anni di vulnerabilità, addio agli ACE

La versione 5.70 beta di WinRAR da poco rilasciata corregge una vulnerabilità rimasta silente per ben 19 anni, potenzialmente pericolosa per gli utenti poiché in grado di eseguire codice malevolo all’avvio del computer. A scoprirla e a segnalarla agli sviluppatori è stato il team di Check Point Research, che ne riassume il funzionamento con il filmato visibile in streaming di seguito.
WinRAR: 19 anni di vulnerabilità
Non si tratta di un bug causato da un’errata compilazione del software, ma legato al supporto per il formato ACE ormai obsoleto, che per lungo tempo ha mostrato il fianco all’azione dei malintenzionati. Creando un archivio .ace e rinominandolo semplicemente .rar così da modificarne l’estensione, nel momento in cui i file al suo interno vengono estratti è possibile aggiungere l’esecuzione di un processo in fase di boot, sfruttando un comportamento anomalo di una DLL di terze parti datata 2005 e da lungo tempo non più aggiornata. Il tutto senza che il malcapitato se ne accorga.

keep reading

giovedì 21 febbraio 2019

L’app di Gmail ha un nuovo look bianco candido

Gmail è indiscutibilmente fra i servizi Google più diffusi e apprezzati, ormai sinonimo di casella email per milioni di utenti. Vien da sé che anche le app mobile di Gmail – per iOS e Android – siano tra le più utilizzate in assoluto e dunque Big G usa sempre una certa cura per confezionarle al meglio e migliorare costantemente l’esperienza utente. 
Anche l’occhio vuole la sua parte però, dunque poteva mancare il tanto attesorestyling in stile Material Theme?
Ovviamente no, ma la novità di oggi è che Google ha finalmente annunciato l’imminente arrivo (nelle prossime settimane) della nuova rivoluzione estetica delle app di Gmail, che segue fedelmente le nuove linee guida dettate nei mesi scorsi e abbracciate ormai dalla quasi totalità di app e servizi made in Mountain View.
Il nuovo aspetto grafico è dunque all’insegna del minimalismo, con menu ancora più puliti rispetto alla versione attuale, tanto che le tracce di colore sono ridotte all’osso, ma per questo più evidenti e significative.

keep reading

Aggiornata la mappa mondiale social: Facebook guadagna utenti nei paesi dell'ex Urss

Facebook continua a crescere e sottrae utenti ai social dell'ex Unione Sovietica, Instagram avanza distanziando gli altri sfidanti.
E' la fotografia della mappa mondiale dei social media elaborata periodicamente dall'esperto di comunicazione digitale Vincenzo Cosenza
Facebook, che ha da poco compiuto 15 anni, ha continuato a crescere superando i 2,3 miliardi di utenti mensili di cui 1,5 connessi almeno una volta al giorno. 
Oggi è il social preferito in 153 dei 167 paesi analizzati, cioè il 92% del globo. 
Nell'ultimo anno è riuscito a sottrarre anche alcuni territori come Azerbaijan, Georgia, Moldova, a Odnoklassniki, uno dei due social dominanti nei territori dell'ex Unione Sovietica. "Potrebbe essere il segnale che quelle popolazioni sono pronte per il network di Zuckerberg e che il prossimo a capitolare potrebbe essere VKontakte, spiega l'esperto aggiungendo che "resta peculiare la situazione in Iran dove a causa della censura di stato riesce ad emergere a tratti solo Instagram".

keep reading