domenica 25 ottobre 2009

I grandi motori di ricerca si alleano con Twitter

Accesso in tempo reale all'archivio di dati pubblici dei social network. Accordi con Microsoft e Google per i "tweet".
Allo Smau presentazione di Windows 7

Poco prima del lancio a New York del nuovo sistema operativo Windows 7, Microsoft ha annunciato un’alleanza tra il suo motore di ricerca Bing e i social network Twitter e Facebook.


Se l’intesa si svilupperà negli auspici del colosso di Redmond, Bing diventerà un buon posto, oltre al sito web del programma di microblogging, dove scoprire cosa dice la gente.

Ma non sarà l'unico perchè anche il rivale Google, per ora molto più popolare di Bing, sarà in grado di a captare il "passaparola" telematico e fornire queste informazioni.
Sul blog italiano si annuncia l'accordo con Twitter che permetterà anche al motore di Mountain View di includere i "tweet", cioè gli aggiornamenti in tempo reale, all'interno dei risultati di ricerca .

«In questo modo, la prossima volta che cercherete informazioni legate a commenti in tempo reale - si legge nel post -, ad esempio informazioni sulle condizioni meteo nella vostra località sciistica preferita, potrete trovare i tweet di utenti che si trovano già là e che hanno deciso di condividere le ultime informazioni sul posto».

Un'esclusiva mancata per Microsoft, che per oggi resta in gran fermento, grazie al lancio ufficiale dell'atteso Windows 7. Steve Ballmer, Ceo del gigante di Redmond dopo l’addio di Bill Gates, tiene a battesimo negli Skylight Studios di New York il nuovo sistema operativo che prende il posto di Vista e Microsoft Italia lo presenta al Salone tecnologico di Milano Smau.

Più leggero, più veloce e meno costoso, "Sette" è la risposta Microsoft alla concorrenza di Apple e di Google: una risposta centrata sull’utente e già testata da otto milioni di clienti-pilota in tutto il mondo i cui suggerimenti hanno portato ad alcune innovazioni cruciali in corso d’opera, prime tra tutte quelle all’insegna della sicurezza di Internet e dell’avvicinamento alla tecnologia del "cloud computing": un nuovo modo di usare il pc sfruttando i programmi installati sui server di Internet, con modalità analoga alla gestione attuale dei contenuti online.

Microsoft si sta preparando a sbarcare nella "nuvola" con Azure, la piattaforma per chi anzichè immagazzinare i dati nel pc preferisce depositarli nel ’cielò della rete: Azure verrà lanciata in novembre in 21 mercati tra cui l’Italia dove Windows Sette è disponibile da mezzanotte.

LA STAMPA.it