martedì 26 febbraio 2013

Exposing One of China’s Cyber Espionage Units

Secondo il reportExposing One of China’s Cyber Espionage Units”, disponibile gratuitamente a questo indirizzo , Mandiant spiega la nascita delle divisioni cyber APT (Advanced Persistent Threat) in tutto il mondo e guarda caso l’unità 61398 dell’Esercito Popolare di Liberazione cinese, quella che si dice essere la divisione hacker della milizia, è conosciuta con il nome in codice APT1. Le decine di gruppi APT agirebbero, a differenza dei normali hacker, anche a scopo politico. Secondo Mandiant almeno una ventina di gruppi APT avrebbero origine dalla Cina e tutte riconducibili ad una singola organizzazione che conduce opere di cyber spionaggio contro un vasto numero di soggetti pubblici e privati.

According to the report "Exposing One of China's Cyber ​​Espionage Units", available for free at this address, MANDIANT explains the birth of the divisions cyber APT (Advanced Persistent Threat) around the world and see if the unit 61398 People's Liberation Army of China , what is said to be the division hacker militia, is known by the code name APT1. The dozens of groups would act APT, unlike ordinary hackers, even for political purposes. According MANDIANT at least twenty groups would DMO originated from China and all linked to a single organization that conducts works by cyber espionage against a large number of public and private entities.

source PANORAMA.IT