sabato 28 novembre 2009

Italia: piccoli domini crescono

Dall'analisi dell'Iit-Cnr una fotografia della diffusione dei siti Internet in Italia.
Vince Bologna, male il Sud.
E crescono li liberi professionisti.

Sono stati presentati nella giornata di ieri i dati relativi alla diffusione di Internet nel nostro Paese, elaborati dall'Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa (Iit-Cnr), a partire dalle informazioni in possesso del Registro .it, vale a dire l'anagrafe deio domini a “targa” italiana.


Dallo studio, che prende dunque in esame 1.429.009 domini .it per i quali è stato possibile risalire alla tipologia dell'assegnatario, si evince che nel nostro Pease esistono 289 domini .it ogni 10 mila abitanti, con una maggiore penetrazione nel Centro Italia (354,48), davanti al Nord (340,82) e al Sud (180,51).

In termini percentuali, tuttavia, il 54,35% dei domini è registrato al Nord, il 24,34% al Centro e il 21,31% al Sud.

Bologna, Milano, Bolzano e Pistoia sono le prime province in termini di penetrazione, mentre il Sud finisce sempre fanalino di coda.
Su base regionale bisogna aspettare la tredicesima posizione per veder comparire l'Abruzzo, con un tasso di penetrazione di 240,6, mentre a livello provinciale, ultime in classifica troviamo Crotone (TP 114,22), Caltanissetta (108,44) ed Enna (104,77, pari a 1.471 nomi registrati).

B2B24.it