lunedì 26 ottobre 2009

Via libera al caricabatterie universale per cellulari

Approvato dall'Itu il nuovo standard Ucs.
Ridurrà anche i consumi energetici

Lo stesso caricabatterie potrà essere usato su tutti i futuri telefoni qualunque sia il fabbricante o il modello.
E' la buona notizia resa nota ieri dall'Itu (Unione internazionale delle telecomunicazioni).



Con la nuova Universal Charging Solution (Ucs), potranno essere ridotti il numero di caricatori prodotti, trasportati e poi messi da parte in un cassetto o buttati, con grande beneficio per i consumatori e l’ambiente.

L’idea di un nuovo standard Ucs per un caricabatterie universale si basa su un contributo della Gsma, l’associazione che rappresenta gli interessi dell’industria della telefonia mobile, spiega l’Itu.
In base ai nuovi standard di efficienza energetica, il nuovo caricabatterie consentirà inoltre di ridurre l’energia consumata.

Grazie ad una porta micro-ubs, i caricabatteria Ucs avranno un’efficienza «quattro stelle» o superiore, con prestazioni fino a tre volte superiori rispetto a un caricabatterie senza classificazione.

«Alcuni produttori già hanno cominciato ad incorporare i micro Usb», ha precisato una portavoce dell’Itu. Non si tratta di uno standard obbligatorio, ma come per altre norme è raro e rischioso starne fuori, ha osservato.
Secondo gli ultimi dati dell’Itu, il numero di abbonamenti alla telefonia mobile nel mondo dovrebbe raggiungere 4,6 miliardi alla fine del 2009.

LA STAMPA.it