mercoledì 18 luglio 2007

Gli italiani on line: 198 milioni di ore a settimana sul web

In media si va on line da 6 a 8 ore la settimane. Nove persone su dieci si collegano per cercare informazioni utili. E si naviga di più nelle grandi città rispetto ai paesi più piccoli

Gli italiani trascorrono 198 milioni di ore alla settimana su internet (con una media di 6 ore settimanali a persona). Sono in particolare gli uomini più giovani (18-34 anni) a passare più tempo sul web, con una media di 8 ore settimanali. Questi i primi dati di una nuova ricerca condotta da Research International per www.eBay.it.

La ricerca di informazioni è il principale motivo per cui ci si connette ad internet (91%), oltre a rappresentare l'attività più frequente che si svolge online e quella cui si dedica maggior tempo; segue il controllo della posta elettronica o la scrittura di e-mail (8 italiani su 10), la lettura delle ultime notizie (57%), il divertimento e la socializzazione (37%). Circa il 23% degli intervistati ha dichiarato invece di navigare online per fare acquisti.

Circa 28 milioni di italiani tendono a collegarsi ad internet tra le comode pareti di casa, soprattutto i giovani tra i 18 e i 34 anni. Gli italiani tra i 35 e i 44 anni, invece, sia uomini che donne, si connettono prevalentemente dal luogo di lavoro.

La ricerca ha evidenziato che sono circa 18 milioni gli italiani che hanno visitato il sito di aste online, nella maggior parte dei casi per curiosare (62% delle donne contro una media nazionale del 56%), ma anche per fare acquisti (38%) oppure vendere (10%).

La ricerca ha evidenziato come l'atteggiamento degli italiani rispetto alla navigazione sul web possa variare anche a seconda delle dimensioni del luogo di residenza. A tale scopo, sono state analizzate più nel dettaglio tre città campione in rappresentanza dei grandi centri urbani (Milano, Firenze e Palermo) e tre città per i piccoli centri (Brindisi, Treviso e Pesaro).

Dai risultati ottenuti emerge che i centri con oltre 100 mila abitanti del nord ovest e del centro sono più attivi su internet (con 7 e 6 ore medie rispettivamente) dei centri più piccoli delle stesse aree geografiche (circa 5 ore settimanali). Sono in particolare Firenze e Palermo a condurre la classifica con una media con 8 ore settimanali online (Pesaro e Brindisi 6 ore medie settimanali).

La ricerca di informazioni utili è l'attività svolta con maggior frequenza a Treviso e Brindisi, più che a Milano, Firenze o Pesaro. Nei piccoli centri del nord, invece, la prima motivazione per l'uso del web è il controllo della posta svolto dal 60% degli abitanti (percentuali che scendono al 43% nel centro e al 48% nel sud). Chi vive al sud tende poi a chattare più spesso (11%) e dedicarvi maggior tempo rispetto ai connazionali del centro-nord.