giovedì 13 maggio 2010

Office 2010

Microsoft integra Office con il web

Disponibile alle aziende la versione 2010: per la prima volta alcuni programmi (Word, Excel, Powerpoint) saranno fruibili online e il file si potranno salvare su web
C'è per la prima volta la possibilità di avere alcuni applicativi fruibili online (Web Apps) e quindi di salvare i propri documenti "nella nuvola" del web piuttosto che su un pc fisico, per poi andare a editarli in modalità avanzata con i più evoluti programmi (Word, Excel, Powerpoint, Access, etc) installati fisicamente sulle macchine.
Oltre a questa grossa novità ci sono ovviamente molti interventi sui singoli programmi, per lavorare meglio e più rapidamente.
Molte novità sono concentrate su Outlook che, oltre a una gestione più semplice dei grossi flussi di messaggi, gestirà anche l'integrazione con i social network, ormai parte integrante della vita digitale della maggioranza degli utenti.

Due le versioni riservate alle aziende, mentre altri 6 pacchetti, con costi differenti saranno riservati al pubblico dei consumatori.
source CORRIERE DELLA SERA.it

Microsoft, ecco Office 2010
il desktop si estende sul web
L'azienda presenta la versione aggiornata della suite di software professionali più venduta nel mondo. Integrazione con Windows 7, nuove funzionalità e un'estensione web per condividere i documenti. E rispondere a Google sul piano delle applicazioni web
Come va.
Office 2010 è ovviamente nato nel grembo dell'ultima versione di Windows.
osì, le nuove funzionalità offerte da Seven sono native anche su Office, tra cui le comode "Jump List" con cui raggiungere istantaneamente gli ultimi documenti su cui si è lavorato.
Rispetto all'edizione 2007, Office 2010 è un altro pianeta.
Il programma risponde più velocemente e appare da subito più snello ed efficiente.
L'idea di Redmond era di rendere il programma non solo usabile ma anche performante sui netbook e i vecchi Pc, e l'obbiettivo sembra centrato un po' come Windows 7 sembra finora aver mantenuto le sue promesse.
Potrà suonare forse spaventoso per qualcuno, ma di fatto, il vecchio Office è un ricordo.
Meno male.

Come funziona.
L'interfaccia del programma si concentra nel 'ribbon', la banda superiore alla finestra del documento. L'intenzione di Microsoft è di raggruppare visivamente le funzioni dei programmi e non disseminarle in menu straripanti di voci, dalla navigazione ostica.
Dopo un po' di abitudine, il 'ribbon' appare per quello che è, una scelta funzionale che finalmente mette Office tra le applicazioni facili da usare. La banda è poi personalizzabile a piacere, così che l'utente possa creare il suo ambiente di lavoro ottimale.
Le funzionalità degli elementi della suite rimangono quelle.
Word serve a scrivere, Excel a ragionare sui numeri.
Powerpoint ha guadagnato qualche funzionalità multimediale e ora può manipolare audio e video.
Tra le piccole ma utili modifiche, è ora possibile salvare i documenti nel formato di OpenOffice, possibilità finora preclusa agli utenti Microsoft.
Acquistando Office 2007, si avrà diritto al download gratuito di Office 2010, di fatto ottenendo due licenze di utilizzo al prezzo di un solo pacchetto.
source la Repubblica.it

Office 2010 in prova: ecco come cambia la suite per lavorare
Premium in prova

Lo abbiamo provato in versione definitiva (Professional Plus scaricata dal network degli sviluppatori Microsoft Msdn) su tre diverse macchine: un desktop massiccio autoassemblato, con processore quadricore Amd, 8 Gb di Ram e scheda madre Asus top di gamma, su un portatile made in Italy agile come l'Olidata Uleader Altro, sul nuovo Olivetti S1300 e e su un netbook neanche troppo aggiornato, con processore N270 ma con 2 GB di memoria ram.
La prima impressione è positiva: l'installazione su qualsiasi macchina è veloce e procede senza intoppi. Terminata questa fase, il software è pronto.
Doppio click e la schermata di splash parte e rende disponibili i programmi fondamentali che costituiscono il pacchetto (Word, Excel, PowerPoint, Acces e Outlook).
Tutti hanno subìto una ventata di rinnovamento, si nota subito che il pacchetto è nuovo.
La sensazione è proprio quella che siano state rimesse le cose a posto dopo la fuga in avanti della non troppo fortunata edizione 2007.
Va detto tuttavia che Office 2010 non introduce dal punto di vista funzionale elementi di dirompente novità, il pacchetto nelle linee base rimane quello conosciuto.
È difficile fare qualcosa di veramente inedito sul fronte della produttività individuale.
Il bello del nuovo Office non è tanto nelle componenti tradizionali quanto nella sopracitata doppia natura online e offline.
E così si può lavorare direttamente dal browser, strumento molto comodo soprattutto quando si è in mobilità e non si usa la propria postazione o il proprio pc.
Office Web Apps permette di accedere ovunque ai documenti personali e di lavoro.
source IlSole24ORE.com