lunedì 5 ottobre 2009

Internet: le notizie col bollino blu


Le notizie devono essere veloci, facili da trovare, ma soprattutto "affidabili e verificate" sono quello che chiedono i naviganti in Internet, che sempre più si rivolgono alla rete per leggere le news, ma che nel 63% dei casi le ritengono inaffidabili o dubbie.


Un marchio di garanzia
E allora l’idea di avere una sorta di bollino blu, un marchio di garanzia, nelle notizie fatte dai giornalisti iscritti all’Ordine non dispiace a più di un terzo di loro, cioè a circa 6 milioni di web-surfer.
È stato internet al centro del convegno organizzato all’università cattolica dall’Ordine dei giornalisti della Lombardia sul ’Futuro del giornalismò e non poteva che essere così. Il presidente Fieg, Carlo Malinconico, ha ricordato che la crisi del settore è grave e che la pubblicità sta andando malissimo, tranne che su Internet dove cresce.
Anche questo spiega l’esposto che la federazione degli editori ha presentato contro Google news all’autorità della Concorrenza. La tesi degli editori è che il motore di ricerca guadagna sulla pubblicità che vedono gli utenti ma non riconosce nulla a chi ha messo in rete gli articoli che vengono cercati attraverso il motore, anzi. Il fatto che ci siano link diretti agli articoli e non alla home page, secondo il presidente degli editori, fa saltare la pubblicità sul giornale.