martedì 1 settembre 2009

Tlc: più velocità e potenza con Maemo 5 per il nuovo Nokia N900

Nokia presenta il nuovo Nokia N900, un passo avanti nell’evoluzione del software Maemo. Prendendo spunto dal mondo dei PC, il software Maemo open source, basato su Linux, offre l’esperienza d’uso di un PC in un telefono cellulare touch.
Il Nokia N900, evoluzione della precedente generazione di Nokia Internet Tablets, è stato pensato per tutti gli appassionati di tecnologia che amano svolgere attività differenti e navigare in Internet anche in mobilità come se stessero utilizzando il loro PC.
Basato sul nuovo software Maemo 5, il Nokia N900 consente di operare in contemporanea su decine di finestre di applicazioni, utilizzando al medesimo tempo anche tutte le funzionalità del telefono cellulare, il touch screen e la tastiera QWERTY.
“Con il software Linux, la tecnologia di navigazione basata su Mozilla e ora anche con la connettività cellulare, il Nokia N900 offre una completa esperienza in mobilità” ha affermato Anssi Vanjoki, Executive Vice President, Markets, Nokia.
“Il Nokia N900 mostra chiaramente il percorso che stiamo seguendo con Maemo e continueremo a collaborare con la community per sviluppare ulteriormente il software. Con Maemo integriamo la potenza del computer e di internet in un telefono cellulare con risultati entusiasmanti”.
Progettato per offrire le performance di un computer in dimensioni compatte, Maemo è complementare alle altre piattaforme software Nokia, come Symbian, su cui si basano gli smartphone di Nokia.
“Esattamente come sta continuando ad ampliare e diversificare la propria gamma di dispositivi - ha dichiarato Jonathan Arber, Senior Research Analyst in Consumer Mobile, IDC -, Nokia sta allo stesso modo sviluppando anche piattaforme multiple con l’obiettivo di soddisfare bisogni differenti in mercati diversi. Mentre continuiamo a vedere la crescita di Symbian come piattaforma per gli smartphone, Maemo ci consente di offrire nuove esperienze di mobile computing basate su una tecnologia open-source molto simile a quella delle piattaforme dei PC”.