mercoledì 30 settembre 2009

Netbook vs notebook: sempre una questione di prezzo?


Basta sfogliare un volantino o un catalogo di una qualsiasi catena di vendita specializzata, da Export a Fnac, per capire come possano bastare meno di 300 euro per acquistare un pc bonsai equipaggiato con Windows Xp, processore Intel Atom (di penultima generazione) e schermo da 10,1 pollici.
È anche vero che molti modelli, con praticamente le stesse caratteristiche di base, sono proposti a listino a 349 euro e che la nuova generazione di netbook con display da 11,6 pollici raggiungono (e superano) la soglia dei 400 euro, ma agli occhi dei consumatori – questo almeno il luogo comune condiviso da molti addetti ai lavori – il prezzo giusto di un computer in miniatura è di 299 euro.
O anche meno. La corsa al ribasso "voluta" da alcuni vendor, esattamente come avvenuto nei televisori a schermo piatto, ha del resto abbassato molto rapidamente i costi al consumo dei mini portatili, che non a caso sono da almeno 18 mesi un fenomeno di vendita unico o quasi nel mercato hi-tech.