sabato 8 agosto 2009

Come proteggere pc e smartphone in vacanza

Basta prendere in questi giorni un aereo, un treno oppure una nave in partenza per qualsiasi destinazione, esotica o meno, per rendersene conto: gli italiani che lasceranno a casa i propri dispositivi hi-tech sono ben pochi.
In comodi marsupi e meno pratiche borse a tracolla i vacanzieri infilano computer portatili e super cellulari, iPod e Blackberry d'ordinanza: lecita scelta, magari anche imposta da doveri professionali.
Ma, dicono gli esperti, occhio alle minacce informatiche, che sono sempre dietro l'angolo, al pari di piccoli incidenti di percorso (il cellulare che cade in acqua, il bicchiere che si rovescia sul pc e via di questo passo).
Quindi bene fare attenzione, anche sotto l'ombrellone, a proteggere i propri apparecchi dal rischio di spam, spyware, phishing, worm, trojan horse e simili per evitare assai spiacevoli furti di identità e perdite di dati.