giovedì 16 luglio 2009

Bing non è certo Google ma lo insidia da vicino


Abbiamo provato insieme i due motori di ricerca: velocità di esecuzione, completezza nelle risposte, margine di errore, feedback con gli utenti. Scoprendo che...

Schermo, schermo, delle mie brame, chi è il motore di ricerca migliore del reame?
Il gigante Google o il neonato Bing?
Sono infatti molti gli utenti che, a poco più di un mese dal lancio del nuovo gioiello Microsoft, hanno cercato di scoprirlo, in parte incuriositi da Bing, e in parte stanchi della supremazia di Google.

I primi numeri offerti dalla società di marketing ComScore sembrano confermarlo: nella seconda settimana di giugno il motore di ricerca di casa Redmond è stato scelto dal 16,7 per cento di coloro che effettuano ricerca sul web, e ha fornito il 12,1 per cento di risposte sul totale delle interrogazioni fatte online. Raddoppiando di fatto i numeri rispetto ala mese precedente, e portandosi alle spalle di Yahoo! (20,1 per cento del mercato).
Ma è tutto oro quello che luccica?
Per capire quello che sta succedendo nell'eterna lotta fra i big dell'informatica, e in particolar modo tra i motori di ricerca, abbiamo fatto qualche test.

Velocità e precisione. Abbiamo verificato ad esempio la velocità di scaricamento della homepage di entrambi i siti. Un test indicativo, ma che alla prova dell'utenza media può fornire qualche informazioni in più.
E qui è la prima sorpresa: secondo WebSiteOptimization.com
Bing batte Google: 0.91 a 1.71 (con una connessione a 128K).
Risultando più veloce di quasi un secondo. Una differenza, tuttavia, pressoché impercettibile all'utente.