domenica 5 aprile 2009

Microsoft Surface disponibile in Italia per lo sviluppo di nuove piattaforme

Microsoft Surface è una nuova piattaforma touch screen di Microsoft, in grado di modificare radicalmente il nostro approccio alla tecnologia: una sorta di iPhone da 40 pollici con cui si interagisce direttamente con le mani, senza l’ausilio di mouse o tastiera. Surface si è inizialmente diffusa in una dozzina di paesi tra Europa e Asia, e ora anche in Italia inizia lo sviluppo e la progettazione di applicativi per questa nuova piattaforma.
Come si può intuire, Surface non è un prodotto che si può comprare al dettaglio, ma una piattaforma per la creazione di applicazioni da usare in chioschi pubblici, per informazioni al punto vendita (o di vendita vera e propria), per dimostrazioni interattive…Per fare ciò è necessario sviluppare soluzioni a problemi che, magari, ancora non sono stati focalizzati.
Come molte invenzioni realmente innovative, infatti, ancora non sono ben chiare tutte le possibili implicazioni di questa nuova tecnologia.
Per questo Microsoft ha deciso di affidare a CEFRIEL, azienda consortile del Politecnico di Milano, la costituzione di un Centro di Competenza per Microsoft Surface. Nel Centro, aziende ed enti della pubblica amministrazione possono accedere a competenze e servizi per lo sviluppo di applicazioni innovative che sfruttano appieno le caratteristiche di Microsoft Surface.
Il programma di sviluppo di Microsoft Surface prevede l’introduzione di 120 partner unici in 12 paesi che sviluppano applicazioni adatte alla piattaforma.
Una piattaforma a dir poco innovativa che, con il suo rivoluzionario modo di approcciarsi allo schermo del terminale, introduce un nuovo concetto di touch screen:
  • Un’esperienza Multiuser, grazie allo schermo posto in orizzontale che permette ad un numero maggiore di utenti di sedersi attorno ad un tavolo/schermo per lavorare sulle informazioni.
  • Un’interazione diretta in quanto gli utenti possono direttamente con le loro mani interagire con gli oggetti del Desktop.
  • La piattaforma è Multi-Touch in quanto permette a più utenti contemporaneamente di lavorare e interagire sullo schermo.
  • E infine il riconoscimento degli oggetti in quanto il collegamento con i device esterni non avviene più tramite porte (USB o altro) ma semplicemente appoggiando il device sullo schermo touch: in parole povere per importare le foto di una fotocamera non servono più cavi vari ma basterà appoggiare la fotocamera sullo schermo. In questo modo Surface riconosce la forma della fotocamera e, attraverso il canale di comunicazione (WIFI o Bluetooth, dipende dalla fotocamera) trasferisce foto e filmati nel computer. Inoltre può dare anche le informazioni inerenti alla fotocamera come modello, scheda tecnica o prezzo.

Per questa piattaforma CEFRIEL mette in campo le sue competenze per tutte le aziende che vogliono sviluppare applicazioni Surface: una prima applicazione è già stata realizzata per CIT, Center for Innovation and Technology, del gruppo Zoppas Industries che l’ha utilizzata per presentare, alla fiera internazionale ISH di Francoforte, una nuova gamma di radiatori pe il riscaldamento della casa.