sabato 7 marzo 2009

Apple bandita da casa Gates niente iPod e iPhone ai figli

Lo rivela Melinda, moglie del fondatore della Microsoft, in un'intervista rilasciata alla rivista Vogue: i tre pargoli di Bill non possono utilizzare i prodotti della casa della mela

"PAPA', papà posso giocare con l'iPod?", "Tesoro - risponde Bill Gates - gioca con tutto ma non toccare l'iPod".
Succede in casa Gates e a renderlo noto è Melinda French Gates, la consorte del miliardario fondatore di Microsoft, in un'intervista apparsa sull'ultimo numero del mensile Vogue America.

Il noto lettore mp3 della Apple, da sempre azienda concorrente di Microsoft, non è l'unico oggetto bandito in casa Gates.
Dall'intervista si apprende che anche il telefono della mela, l'iPhone, non può essere utilizzato dai tre figli della coppia miliardaria.

"Ci sono poche cose vietate nella nostra famiglia - spiega Melinda - l'iPod e l'iPhone sono due di quelle". A spiegare l'atteggiamento protettivo è il fratello di Melinda, Raymond French: "Mia sorella e Bill cercano di dare ai figli un'infanzia normale.
I ragazzi vanno al parco, giocano con gli amici e dormono fuori. Non vivono certo in una bolla e non diventeranno come Paris Hilton".

Sarà, ma una certa invidia da Apple sembra trapelare anche nelle parole di Melinda Gates che, nonostante gli anni trascorsi come sviluppatrice di software proprio all'azienda di Redmond, più avanti si lascia sfuggire: "Ogni tanto guardo i miei amici e penso che non mi dispiacerebbe affatto avere un iPhone".

Risvolti negativi di una vita fin troppo agiata:i tre ragazzi, un bambino di nove e due bambine di dodici e sei, avranno anche avuto la fortuna di nascere da uno degli uomini più ricchi del mondo, ma non possono utilizzare uno degli oggetti più ambiti dai giovani.

Non c'è da disperare però. Per loro ci pensa papà e per la loro musica c'è il meno attraente Zune, la risposta Microsoft al lettore Apple.
E non è solo un fatto di gusti. La disparità tra i due apparecchi la sottolineano anche i numeri: due milioni di Zune venduti contro i 200 milioni di iPod in circolazione. Per non parlare dell'iPhone, arrivato già a 18 milioni di esemplari.