giovedì 3 gennaio 2008

2007: il sorpasso dei videogiochi e l'Italia sempre più on-line

Ottanta milioni di console vendute in tutto il mondo, per una cifra complessiva di 9,8 miliardi di euro: questo uno dei tanti bilanci del Natale in corso. Cè stata più voglia di giocare che di ascoltare musica. Mentre l’America brinda all’e-commerce e a Wii, le statistiche francesi si ricollegano ai dati americani e celebrano una generica vittoria dell’industria video ludica, che per la prima volta sorpassa la voglia di musica.
LE CIFRE - Secondo i dati della società di ricerche Idate quest’anno l’industria del settore ha incrementato le proprie vendite del 42 per cento in rapporto al 2006, superando l’indotto economico relativo all’entertainment musicale.

Keep reading from corriere della sera.it

Le pagine viste nell'anno crescono da 1.300 a 1.600 circa, con un aumento di 4 ore del tempo speso online: da 18 a 22 ore all'anno per ogni cybercittadino. Quasi l'80% degli italiani connessi utilizza la banda larga.
Tra chi naviga, sono sempre prevalenti gli uomini (58%), ma le donne italiane online crescono a un ritmo più sostenuto (c'è un "distacco" da recuperare): +28% rispetto al +19% di crescita tra gli uomini. Crescono considerevolmente gli utenti appartenenti alle fasce d’età 12-17 (quasi 2 milioni, +24% rispetto al 2006) e 35-49 (8,3 milioni, +52% rispetto al 2006). Tra le categorie di siti che rilevano i rialzi più significativi rispetto al 2006 da segnalare le communities (14,3 milioni di utenti, +46%), trainate soprattutto da Windows Live Spaces, Libero Community, Alice Community, MySpace e Facebook, i siti di news (12,5 milioni di utenti, +56%) con La Repubblica, Il Corriere della Sera, MSN News, Ansa e Mediaset News, i tool di ricerca e traduzione (10,2 milioni di utenti, +65%), trainati da Wikipedia, Yahoo! Answers, WordReference e Altavista Babel Fish, i siti di video (10 milioni di utenti, +96%), trainati soprattutto da YouTube, ma anche da Alice Video, Google Video e Libero Video, i siti di mappe e informazioni di viaggio (9,5 milioni di utenti, +69%) con Google Maps, ViaMichelin, Paesionline, Google Earth e Mappy, i siti di broadcasting (8,2 milioni di utenti, +68%), con Mediaset, Rai, Sky, La Repubblica Tv e Corriere TV e per finire i siti per la ricerca immobiliare (1.9 milioni, più che raddoppiati rispetto al 2006). Per quanto riguarda la diffusione dell’e-commerce, l’Italia continua a presentare ritardi rispetto agli altri paesi europei: a settembre 2007 gli acquirenti online sono stati 1,6 milioni, pari al 7% dei navigatori attivi.

Dopo tutte queste cifre, il rapporto focalizza sull'utilizzo del Web 2.0: dai blog ai video, sono 13,6 i milioni di italiani catturati dalla "Rete autoprodotta" dagli utenti, ossia il 61% del totale dei navigatori. I frequentatori di blog sono 6,4 milioni. “In soli sei mesi - da gennaio a giugno del 2007 - la nostra analisi sui siti di Web 2.0 ha rilevato 2 milioni di visitatori in più. Questo dato conferma che il desiderio di condividere esperienze ed emozioni non è un fenomeno estemporaneo ma risulta invece essere sempre più radicato tra gli internauti”, ci dice a margine del rapporto Ombretta Capodaglio (ombretta.capodaglio@nielsen.com), marketing manager di Nielsen Online.
Da segnalare che Wikipedia raccoglie 8,4 milioni di utenti, con una crescita del 59% nell’anno, YouTube con oltre 7 milioni e Myspace con 2,6 milioni di utenti hanno più che triplicato l’audience nell’ultimo anno”. Gli utenti del Web 2.0 inoltre hanno un consumo più intenso della Rete: passano infatti online il 40% di tempo in più rispetto al totale internauti italiani.