mercoledì 7 novembre 2007

Windows Home Server: il debutto

Da ieri una nuova versione di Windows si affiancherà a quelle già disponibili: Windows Home Server il sistema operativo server che l'azienda di Redmond propone agli utenti domestici o alle piccole realtà che possiedono 2 o più personal computer e molte periferiche in modo da connetterle rapidamente tra loro senza problemi.

Stando a quanto dichiarato da Redmond, Windows Home Server ha implementata una nuova procedura guidata che in soli sette passi consentirà all'utente di configurare in modo semplice il nuovo sistema operativo, riducendo così i costi di installazione, configurazione e mantenimento.

E' stata aggiunta anche la possibilità di amministrare tutti i sistemi della rete da remoto, dalle notifiche sullo stato della LAN, il supporto per gli "add-in" di sistema (sviluppabili servendosi del Windows Home Server SDK recentemente rilasciato) e una gestione delle password rinnovata.

Windows Home Server consente di facilitare attività richieste in ambito domestico tra le quali la possibilità di effettuare streaming di contenuti video da altre macchine connesse alla rete oppure da altri dispositivi quali addirittura una Xbox 360.

Il nuovo sistema operativo server per l'ambito "consumer" si propone quindi anche come punto di riferimento per la condivisione di file multimediali, video, audio, immagini e musica. Tra le caratteristiche principali vi è anche la funzione che consente di avviare procedure di backup centralizzate automatizzate del contenuto di un numero massimo di 12 sistemi.

Il sistema operativo è su base Windows Server 2003 SP2: da cui eredita alcune caratteristiche in parte mentre altre sono state eliminate per il "target" a cui si rivolge Windows Home Server.

Alcuni produttori hardware come HP e Dell si stanno già accordando con Microsoft per offrire pre installato Windows Home Server nel prossimo inverno nei loro listini.

Per approfondire Windows Home Server Blog
la home page di Windows Home Server