lunedì 4 giugno 2007

Ecco lo «smartphone companion» di Palm. Con Linux nel motore

Dalle voci di una possibile scalata a suoi danni, con Nokia e Motorola fra i papabili acquirenti, alla presentazione (per altro annunciata) di una nuova categoria di terminali mobili, i Foleo Mobile Companion, destinati a cambiare il modo di lavorare dei business man e dei professionisti sempre in movimento. In due mesi la storia prossima ventura della Palm, nome storico nel campo dei computer palmari e oggi Fra i best vendor in campo smartphone, potrebbe essere radicalmente cambiata. L'anticipazione fornita il mese scorso dal Presidente e Ceo Ed Colligan circa l'avvento di una nuova piattaforma operativa basata su Linux si è materializzata con molto anticipo rispetto alle previsioni rivelando chiaramente le intenzioni del produttore californiano: quelle cioè di mettere sul mercato un dispositivo realmente innovativo, diverso per concezione da quelli già disponibili e votato sempre e comunque a offrire all'utente funzionalità all'avanguardia per quanto riguarda la comunicazione e la produttività mobile. Non un pc-telefono ultra performante in stile Nokia Communicator, quindi, e neppure i tanto di moda Ultra Mobile pc: è in sostanza un mini notebook (pesa poco più di un chilogrammo) con schermo da 10 pollici e tastiera completa che si collega con tecnologia Bluetooth a qualsiasi smartphone compatibile per servire, l'accesso wireless alla posta elettronica e l'operatività a tutto schermo sui documenti Office (Word, Excel, PowerPoint) e Pdf. La connessione Wi-Fi alla rete Internet tramite il browser Opera, invece, si può attivare sia direttamente da Foleo sia sfruttando lo smartphone come modem wireless.
Scopri nel dettaglio Foleo