mercoledì 24 gennaio 2007

Chi ha provato Vista non vuole tornare indietro a XP: ecco alcuni dei motivi


Windows Vista è già una realtà per molti utenti business e presto lo diverrà anche per gli utenti consumer con il lancio definitivo nel mercato atteso il prossimo 30 gennaio. Mentre è scontato il successo sul mercato consumer, è difficile intuire quale sarà il livello di penetrazione del sistema operativo nelle aziende.
Valutare la convenienza di una migrazione ad un nuovo sistema operativo in un'azienda non è mai facile” – ha dichiarato durante un suo intervento l'esperto Bernie Klinder - “Il mio consiglio è di utilizzare per prova Windows Vista per un mese e poi tornare a lavorare nuovamente con Windows XP. Penso che il giorno dopo si deciderà di migrare a Vista senza pensarci troppo. La differenza è notevole”.
Sempre secondo Klinder, a rendere il nuovo sistema operativo Microsoft una soluzione a più alto valore aggiunto rispetto alle edizioni precedenti, sono centinaia di piccoli accorgimenti e funzionalità che concorrono a sviluppare nel loro complesso una migliore esperienza interattiva per l'utente.
Da un'analisi personale dell'esperto le motivazioni che, più delle altre, stanno facendo propendere il peso della bilancia verso una migrazione immediata al nuovo sistema operativo, sono quelle legate all'aumento della produttività dei dipendenti, cosa che avviene, ad esempio, abbattendo i tempi persi nella ricerca dei documenti.
Un recente studio ha svelato che in media un utente aziendale spende dalle tre alle sei ore di tempo a settimana per cercare i dati nel suo PC o nella rete. Con Windows Vista è stata migliorata la capacità di ricerca dei documenti (inclusi eventi di calendario Outlook, fogli di calcolo, presentazioni Powerpoint, pagine HTML residenti nella cache di Internet Explorer, email, etc..) ed un'attività di questo tipo impiega ormai solo pochi secondi per essere portata a termine con Vista. In aggiunta gli utenti hanno la possibilità di vedere una bozza preliminare del file trovato senza necessariamente aprirlo e quindi lanceranno l'applicazione di appartenenza solo dopo aver appurato che è l'archivio che serviva. In questo modo è eliminata la necessità di ricercare tra decine di cartelle annidate ciò di cui si ha bisogno.
Gli esperti stimano che la nuova funzionalità di ricerca integrata dei documenti permetterà di risparmiare molte ore di lavoro che potranno essere così spese in attività più produttive. Il nuovo sistema operativo di Microsoft offre migliori funzionalità di Power Management, risolvendo nei computer portatili quello sgradevole inconveniente che occorreva talvolta con XP e che non permetteva di ibernare correttamente il PC a causa di alcuni lavori che non riuscivano a chiudersi, continuando così a consumare e degradare la carica della batteria.
Altre migliorie di Vista includono la possibilità di salvare le impostazioni di rete e ripristinarle all'occorrenza con pochi semplici step, evitando di riconfigurarle manualmente quando si passa da un network all'altro (molto utile soprattutto per attivare in modo veloce collegamenti con diverse reti wireless).
Sempre rimanendo in tema di migliorie, Windows Vista permette di stabilire un canale wireless temporaneo fra due PC che dispongono di un adattatore Wi-Fi ma che non hanno accesso ad un hot spot, per scambiare dati in modo sicuro. Infine Vista è dotato di funzionalità di help desk automatico che consigliano l'utente sulla eventuale procedura da seguire per risolvere un problema che si è manifestato (ad esempio relativo alla rete, alla stampa di documenti, all'installazione di driver, etc..).